sale-mucchietto

La storia

Posted: aprile 2, 2015 By: Comment: 0

Il dottor Boczkowski descrisse i suoi studi sulle miniere di sale nel saggio “O Wielicze pod wzgledem historyi naturalnej”, in cui attribuiva gli effetti curativi delle miniere di sale a tre fattori: i microelementi presenti in alta concentrazione nell’ambiente, la temperatura e l’umidità.

Di fatto il luminare polacco fu il primo a cimentarsi in quella che chiamò haloterapia, facendo respirare ai suoi pazienti microelementi del sale. Chiaramente si trattava di sale delle miniere, al 95 per cento salgemma, un elemento abbastanza diverso dal sale da cucina diffuso attualmente.

Già nell’antichità al sale venivano riconosciute proprietà curative se non addirittura taumaturgiche. Presso alcuni popoli il sale veniva usato come moneta di scambio, in Egitto era un dono “da faraoni” e nel Medioevo al sale vennero attribuite proprietà quasi miracolose.

Attualmente in alcune miniere ormai in disuso sono stati realizzati centri curativi. È il caso della miniera di sale di Wieliczka, in Polonia: sede della più lunga galleria di sale d’Europa, a 226 metri di profondità, ospitava un sanatorio. Caso simile è la cava di sale di Berchtesgaden, in Germania. Le prime stanze di sale sono nate nel secolo scorso in Polonia, paese con un’antica tradizione di miniere di sale; attualmente si stanno diffondendo sia in Europa sia in America, e sono presenti anche in Italia. E